Un.i.c.a. Taxi Firenze
Unione Italiana Conducenti Autopubbliche - Firenze

UNIFICAZIONE OBIETTIVO PRIORITARIO E AL DI SOPRA DI OGNI POLEMICA -

Data: 
19/09/2012

 Stiamo seguendo, come tutti, una “diatriba” che per alcuni  contenuti, che porta a sostegno di questa o quella tesi, sarebbe bene fosse rimasta chiusa nei gruppi cosiddetti “chiusi” ( si fa per dire) di facebook, ma che ormai e’ tracimata al di fuori.

 

Sulla specifica materia abbiamo gia’ espresso il nostro giudizio in un documento pubblico  piu’ di un mese fa ( e che parlava anche di cose piu’ “toste” ma su cui nessuno si e’ pronunciato….) e continuiamo a pensare che entrambe le convenzioni abbiano delle ombre – esplicitate chiaramente nel richiamato documento -  seppure di natura diversa.

 

Ma la polemica che sta montando rischia di inserire  “disastri” nella regolamentazione in atto; ci riferiamo alla eventuale  messa sotto osservazione del comma 7 dell’art. 28, quello da sempre contestato da ANITRAV  , introdotto nel regolamento romano dopo anni di quello fiorentino e , al momento, “salvatosi” a Roma  rispetto al giudizio del TAR del Lazio ( che ha falcidiato quasi tutto il resto delle innovazioni del regolamento dell’Urbe).

 

Invitiamo quindi ad un dibattito attento a non mettere in pericolo tale comma ed inoltre a non rappresentarsi come   “vergini” invece che  “ maddalene”  perche’ la cosa sarebbe risibile e non compresa.

 

Invitiamo  tutti , a partire da noi stessi, inoltre, a non usare elementi di dibattito (sempre da rispettarsi in quanto ognuno e’ portatore di pezzi di verita’ ma poi la verita’ non puo’ che essere la migliore sintesi possibile di posizioni diverse) , per intralciare il cammino della unificazione.

 

E’ sempre stato fuori dubbio che esiste una parte della categoria , le cui ragioni non condividiamo ma  rispettiamo comunque, che non vuole il processo unificatore,  che sta adoperando e adoperera’ ogni e qualsiasi argomento ( dai difetti alla necessita’ di doverlo fare perfetto)  per ostacolarlo.

 

Cio’ non deve essere aiutato.

 

Quindi nei primi giorni della settimana i due consigli di amministrazione si dimentichino la polemica e attuino i compiti che si erano non solo dati ma richiesti dai corpi sociali  per poi nella settimana stessa relazionare in UNIFI che – per quanto ci riguarda - prima di discutere alcunche’ dovra’ defiinire il giudizio sul percorso tecnico avendo come unico obiettivo di realizzare l’unificazione o comunque di segnare ulteriori inequivocabili passi in quel senso.

 

Si sta “giocando” su ogni tasto in questo fine settimana, si cerca di farsi saltare reciprocamente i nervi .

 

Ma la calma e’ la virtu’ dei forti.

 

E i “castori” piu’ attenti si’ fanno la diga ma quando si accorgono che la piena e’ inarrestabile aprono il varco.

 

La estrema maggioranza dei tassisti vuole l’unificazione; e’ una piena inarrestabile questa loro volonta’… i “ castori” si diano pace perche ‘ la corrente rischia di travolgerli.

 

Avanti con intelligenza, investigando su ogni dato , ma senza retro pensiero  alcuno sulla strada della unificazione; essa e’ possibile e necessaria. 

 

E se non verra’ fatta le responsabilita’ saranno chiare una volta per tutte.

 

Firenze 19 settembre 2012                              ESECUTIVO  UNICA TAXI CGIL Firenze