Un.i.c.a. Taxi Firenze
Unione Italiana Conducenti Autopubbliche - Firenze

Susanna Camusso ( CGIL) sul Manifesto Imprese : “... su pensioni e privatizzazioni dei servizi non può esserci alcuna convergenza! ....”

Data: 
04/10/2011

Manifesto Imprese: Camusso (CGIL) , il tempo è già scaduto il governo se ne deve andare e “su pensioni e privatizzazioni dei servizi non può esserci alcuna convergenza”

Il Segretario Generale della CGIL, pur “apprezzando lo sforzo” di Confindustria nello stilare un piano per la crescita del Paese, ha affermato “su pensioni e privatizzazioni dei servizi non può esserci alcuna convergenza”, le risorse per il risanamento devono essere trovate attraverso una “seria tassazione delle grandi ricchezze, dei grandi immobili e da un contributo di solidarietà sui redditi alti ed una rigorosa lotta all'evasione fiscale” 30/09/2011 “Per noi il tempo è già scaduto e il governo se ne deve andare, perché rappresenta gran parte del problema e la sua uscita di scena è condizione per recuperare credibilità sui mercati”. Così Susanna Camusso, Segretario Generale della CGIL, commenta l’ultimatum di Confindustria al governo aggiungendo che l’esecutivo “ha prodotto, manovra su manovra, politiche recessive, e anche se adesso lancia annunci, bisogna constatare che piani decennali e decreti sono fuori tempo massimo e privi di risposte efficaci”.

Quanto al Manifesto stilato dalle imprese con le cinque priorità per “salvare l’Italia” il numero uno della CGIL, pur “apprezzandone lo sforzo” ritiene che “su pensioni e privatizzazioni dei servizi non può esserci alcuna convergenza, perché si continuerebbe a scaricare sui lavoratori il prezzo della crisi e questo non è per noi condivisibile”. Infine, Camusso ribadisce “la necessità di dare una prospettiva al Paese trovando le risorse per il risanamento e la crescita da una seria tassazione delle grandi ricchezze, dei grandi immobili e da un contributo di solidarietà sui redditi alti ed una rigorosa lotta all'evasione fiscale che non guardi in faccia a nessuno”.