Un.i.c.a. Taxi Firenze
Unione Italiana Conducenti Autopubbliche - Firenze

Documento nazionale

Data: 
18/06/2008

18.06.2008 nella sede di Uritaxi a Roma.

Nel corso della riunione e’ stato dichiarato lo stato di crisi della categoria in relazione ai seguenti punti:

1) Aumento dei costi di gestione del servizio taxi divenuti ormai insostenibili a causa dell’eccessivo rincaro dei carburanti, con conseguente richiesta di riduzione delle accise, per evitare che l’incremento di tali maggiori costi si riperquota sull’utenza.

2) Eccessiva pressione fiscale con conseguente richiesta di sostituzione degli studi di settore con un regime di forfettizzazione parametrato alle diverse caratteristiche territoriali; riduzione dell’aliquota iva sulle polizze assicurative e sull’acquisto dell’autovettura;

3) Lotta all’abusivismo e alla concorrenza sleale degli NCC che operano al di fuori dei propri territori, attraverso interventi normativi che fissino inequivocabilmente il principio della territorialità’ del servizio e contestuale modifica del codice della strada con l’introduzione di sanzioni nei confronti di chi esercita in difformità alla legge.

4) Interventi normativi in materia di sicurezza dei conducenti con la reintroduzione dell’esenzione dall’obbligo delle cinture per evitare l’immobilizzo del conducente stesso nelle aggressioni, sempre piu’ frequenti attuate all’interno dell’autovettura;

5) Riconoscimento del servizio taxi quale lavoro usurante ai fini previdenziali e assistenziali.

6) Incentivazioni  alle innovazioni tecnologiche inerenti il servizio taxi.

Per formalizzare la richiesta di accoglimento dei suesposti punti e per una piu’ completa illustrazione degli stessi, le sottoscritte sigle hanno stabilito di chiedere un incontro urgente alle istituzioni competenti: locali, territoriali, nazionali ed europee.

Inoltre, le Organizzazioni Sindacali si impegnano, in via programmatica, ad avviare una fase di analisi e proposte alternative alla distruttivita’ dell’ideologia liberista applicata al settore taxi, autoconvocandosi, sin d’ora, entro la meta’ del mese di luglio per fare nuovamente il punto della situazione.

URITAXI      CASARTIGIANI    CLAAI     UGL      CIISA   FAST TAXITALIA

 UNCI           CISAL                  UNICA CGIL              CISL                     UIL